phrasal verbs

Sia che tu abbia deciso di studiare l’inglese per lavoro, sia che tu abbia deciso di perfezionarlo, avrai sicuramente fatto conoscenza con i “phrasal verbs” (verbi frasali).

I phrasal verbs, sia nella lingua italiana, che in inglese sono molto diffusi e spesso vengono utilizzati al posto dei verbi tradizionali.

I phrasal verbs sono delle costruzioni sintattiche particolari che prevedono l’utilizzo di un verbo accompagnato da una preposizione o da un avverbio che ne modificano in assoluto il significato. In genere, imparare e capire i phrasal verbs può destare un po’ di spavento, perché non esistono liste specifiche che li comprendono tutti. Il modo migliore per prendere confidenza con i verbi frasali è quello di ascoltare, leggere, guardare film in inglese il più possibile.

L’utilizzo dei phrasal verbs, al posto dei verbi normali, dimostra una competenza di livello superiore che si avvicina a quella delle persone madrelingua, permettendoti di ampliare le tue conoscenze.

Si tratta di costruzioni che nella maggioranza dei casi hanno un significato diverso dal significato originale del verbo senza preposizione o avverbio.

Quanti tipi di phrasal verbs esistono?

Possono essere di tipo transitivo o intransitivo.

Quelli transitivi, sono quelli che reggono un complemento oggetto, e la loro costruzione può essere separabile o inseparabile, mentre quelli intransitivi non sono seguiti da un complemento oggetto.

Esempio di phrasal verbs intransitivo: “Marco quickly showed up” (Marco è arrivato in fretta). In tal caso, “show up” è intransitivo, perché non ha un complemento oggetto.

Esempio di phrasal verbs transitivo: “I made up a lie” (Mi sono inventato una bugia). In tal caso, “a lie” è il complemento oggetto del verbo “make up” (inventare).

Altri phrasal verbs transitivi possono essere “separabili”, il che significa che possono essere costruiti in questo modo: verbo + complemento oggetto + preposizione/avverbio.

Esempio di phrasal verbs transitivo separabile: “I talked my sister into letting me her bag” (Ho convinto mia sorella a farmi lasciare la sua borsa). In tal caso “talk into” è il verbo frasale, il quale si separa del tutto dal complemento oggetto.

Poi vi sono phrasal verbs transitivi inseparabili, in cui il complemento oggetto si posiziona sempre dopo la preposizione o l’avverbio.

Esempio di phrasal verbs transitivi inseparabili: “They are looking into the issue” (Stanno esaminando la questione). A tal proposito “looking into” è il verbo frasale non separabile, mentre il complemento oggetto è “the issue”, il quale non può esser messo tra il verbo “look” e la proposizione into; non possiamo cioè dire “They are looking the issue into”!

Ma attenzione ai phrasal verbs quando c’è un pronome!

Infatti, in alcuni casi può succedere che alcuni phrasal verbs transitivi possono avere il complemento oggetto sia prima che dopo la preposizione/avverbio, ma se il complemento oggetto è un pronome allora la posizione più corretta è tra il verbo e la preposizione/avverbio.

Facciamo un esempio per capirci meglio:

-I looked the recipe up in the notebook (Ho cercato la ricetta sull’agenda).

-I looked up the recipe in the notebook (Ho cercato la ricetta sull’agenda).

In questo caso “the recipe” non è un pronome, posso inserirlo sia all’interno del phrasal verbs separabile “look up” o semplicemente metterlo dopo.

Se invece dico:

-I looked it up in the notebook! È ok!

-I looked up it in the notebook! È sbagliato!

In questo caso it è un pronome, devo quindi metterlo all’interno del phrasal verbs separabile “look up” tra il verbo look e l’avverbio “up” come nel primo esempio!

Ti è piaciuta questa lezione?

Vedrai che utilizzando i phrasal verbs riuscirai a rendere il tuo inglese più interessante ed accurato, come un vero e proprio madrelingua.

A presto!

Vuoi scoprire il tuo livello di inglese?

Puoi eseguire gratuitamente il nostro test!

VAI AL TEST